Festival del Classico | Il lavoro dall’antichità alla nostra Costituzione

con Laura Pepe // Diritto romano e Diritti dell’antichità Università La Statale di Milano, Oliviero Diliberto // giurista e Gustavo Zagrebelsky // giurista
modera Massimo Cuono // Filosofia politica Università di Torino
in collaborazione con Biennale Democrazia

Nel diritto romano la schiavitù era un istituto giuridico per cui un essere umano poteva essere comprato ed essere oggetto di proprietà del proprio padrone. La nostra Costituzione attribuisce al lavoro una dignità che lo rende fondamento della nostra Repubblica (art. 1) e riconosce al lavoratore il “diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro” (art. 36). Nonostante ciò, non mancano condizioni di precarietà simili a quelle della schiavitù.
A seguire, spazio al dibattito con studenti e studentesse dei licei torinesi.

 


📌ingresso € 3,00 // biglietti su vivaticket.it o presso il Circolo dei lettori
👀 per la Carta Io leggo di Più (acquistala sullo shop online o al Circolo dei lettori) ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria (011 8904401 | info@circololettori.it) fino a esaurimento posti disponibili
✏️ info su modalità ingressi qui


 

Per continuare a offrirti cultura
tutti i giorni, per tutt*,
abbiamo bisogno anche di te.
Dona al Circolo dei lettori!

Festival del Classico | Il lavoro dall’antichità alla nostra Costituzione

con Laura Pepe // Diritto romano e Diritti dell’antichità Università La Statale di Milano, Oliviero Diliberto // giurista e Gustavo Zagrebelsky // giurista
modera Massimo Cuono // Filosofia politica Università di Torino
in collaborazione con Biennale Democrazia

Nel diritto romano la schiavitù era un istituto giuridico per cui un essere umano poteva essere comprato ed essere oggetto di proprietà del proprio padrone. La nostra Costituzione attribuisce al lavoro una dignità che lo rende fondamento della nostra Repubblica (art. 1) e riconosce al lavoratore il “diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro” (art. 36). Nonostante ciò, non mancano condizioni di precarietà simili a quelle della schiavitù.
A seguire, spazio al dibattito con studenti e studentesse dei licei torinesi.

 


📌ingresso € 3,00 // biglietti su vivaticket.it o presso il Circolo dei lettori
👀 per la Carta Io leggo di Più (acquistala sullo shop online o al Circolo dei lettori) ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria (011 8904401 | info@circololettori.it) fino a esaurimento posti disponibili
✏️ info su modalità ingressi qui


 

Per continuare a offrirti cultura
tutti i giorni, per tutt*,
abbiamo bisogno anche di te.
Dona al Circolo dei lettori!