Africana

Viaggio nella storia letteraria del Continente

presentazione del libro Feltrinelli a cura di e con Igiaba Scego e Chiara Piaggio
con Francesca Angeleri
4. appuntamento di Visioni a confronto. Dialoghi sul continente africano
in collaborazione con Fondazione Santagata e Direzione Regionale Musei Piemonte
in occasione della mostra Africa. Le collezioni dimenticate

Una storia letteraria lunga settant’anni: l’epoca coloniale, i successivi sconvolgimenti culturali e politici, la creazione dei nuovi Stati, le lotte sociali, i primi grandi successi degli scrittori della diaspora e le recenti avanguardie artistiche alle prese con un’Africa trasformata.


📌 ingresso libero fino a esaurimento posti

👀 con la Carta Io leggo di Più puoi prenotare il tuo posto, nelle prime file: scrivi a info@circololettori.it o chiama 011 8904401


✏️ il libro
Ripercorre la lunga strada che ha portato gli scrittori del continente ai successi degli ultimi anni. Attraverso racconti inediti e sorprendenti rivela una letteratura che è riuscita ad attraversare e riflettere la storia, combattere sguardi stereotipati, reinventarsi e trovare un proprio spazio. Una storia letteraria lunga settant’anni, che parte dall’epoca coloniale e attraversa gli sconvolgimenti culturali e politici che ne sono conseguiti, la creazione dei nuovi Stati, le lotte sociali, i primi grandi successi degli scrittori della diaspora, per arrivare alle recenti avanguardie alle prese con un’Africa trasformata.
Il libro porta il lettore a rileggere il passato da una prospettiva insolita, a osservare il mondo di ieri e di oggi con occhi rinnovati, a esplorare le pieghe nascoste di una letteratura multiforme. Troviamo voci che hanno segnato la storia, come Chinua Achebe e Ngugi Wa Thiong’o, scrittori contemporanei di fama internazionale, come Akwaeke Emezi o Leila Aboulela, accanto ad autori meno conosciuti. Testi scritti in epoche e in Paesi diversi, in lingue occidentali e in lingue locali, che ci riportano una scena letteraria viva e in continua evoluzione.
Racconti potenti, perché quando la storia è forte come quella africana, lo è anche la sua letteratura.