CULTURA DELL’INDIA E FILOSOFIA DELLO YOGA

Rinviato. La nuova data sarà comunicata appena possibile.

«La morte è distrazione e l’attenzione immortalità» 

presentazione del libro di e con STEFANO PIANO
edito da MAGNANELLI
nell’ambito di I lunedì della Peterson 

con Alberto Pelissero

I possessori Carta Extra possono prenotare il posto in sala.

La cultura dell’India c’insegna, per bocca del saggio Sanatsujàta, che non c’è morte, perché «la morte è distrazione e l’attenzione immortalità» (Mahabharata V,42,4).
Si ha oggi la percezione che sia più che mai importante imparare a fermarsi e a guardarsi dentro per riscoprire il senso del nostro esistere nello spazio e nel tempo, diventare consapevoli del fatto che la meta verso cui siamo diretti trascende lo spazio e il tempo e riflettere contemporaneamente sulla cultura nella quale lo yoga è nato. Frutto di anni di insegnamento nei corsi di formazione per insegnanti yoga, questo libro – che conserva in qualche modo l’immediatezza del parlato – vuol essere di aiuto non solo per i futuri yogin, ma per tutte le persone in cerca di un momento di riflessione e di autenticità.

 

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili. Per gli appuntamenti con maggiore affluenza, è prevista, a partire da un’ora prima dell’inizio dell’evento, la distribuzione di un tagliando a persona che consente l’ingresso in sala. Possono prenotare il posto in sala solo i possessori della Carta Plus (acquistabile qui o presso il desk dell’Accoglienza del Circolo dei lettori, via Bogino 9).