L’arte delle donne dal ‘900 a oggi #2 | Il femminismo e la Body Art

con Luca Beatrice

nell’ambito di Desiderare il mondo. Linguaggi, corpi, icone

Gli anni ’70 segnano il cambiamento più significativo. Trasgressive, irriverenti, geniali provocatrici, le donne conquistano la scena proponendo il loro corpo, non più oggetto di rappresentazione ma soggetto attivo. Qui si parla di Yayoi Kusama, Marina Abramovic, Gina Pane, Ana Mendieta, del femminismo italiano e di altro ancora. Con un omaggio doveroso a Lea Vergine.

il corso
C’era un tempo in cui la storia dell’arte di Ernst Gombrich includeva soltanto una donna, dal medioevo al XX secolo. E c’era un tempo in cui Lee Krasner, pittrice e moglie di Jackson Pollock, fu costretta a cambiare il proprio nome di battesimo dal femminile al maschile per farsi prendere sul serio nell’ambiente fallocratico dell’Espressionismo Astratto. Oggi, per fortuna, il tempo è cambiato ma alcune disparità ancora restano. In tre puntate il critico Luca Beatrice analizza tre momenti chiave per parlare della donna finalmente protagonista nell’arte visiva.

prossimo appuntamento
martedì 30 marzo ore 18 L’arte nell’era della globalizzazione