Filosofia per il presente

Simboli e dissidi della modernità
presentazione del libro di e con Elio Franzini
edito da Morcelliana
con Donato Pirovano e Federico Vercellone

Della filosofia mutano nel tempo le forme, i modi, le circostanze, e questo fa sì che essa perda la propria specificità adeguandosi alla contingenza e alle mode quando non disperdendosi nella molteplicità delle discipline e dei punti di vista. L’autore – in dialogo con Husserl, Heidegger, Merleau-Ponty – si interroga su questa identità perduta.

✏️ la quarta di copertina
«La filosofia aspira all’eternità», ha come fine «la verità»: è questo l’incipit del libro e di una possibile «filosofia per il presente». Della filosofia, d’altra parte, mutano nel tempo le forme, i modi, le circostanze, e questo fa sì che essa, declinandosi al plurale, perda la propria specificità adeguandosi alla contingenza e alle mode quando non disperdendosi nella molteplicità delle discipline e dei punti di vista. L’autore – in dialogo con Husserl, Heidegger, Merleau-Ponty – si interroga su questa identità perduta e la ritrova nella funzione critica che la filosofia può avere come «punto di vista essenziale», «fenomenologico»: capace di «conoscere le cose sapendo che non le scopre, non le inventa o le struttura», ma connette «il suo esperire al senso di ciò che appare». Un senso della verità che non coincide con il suo possesso, ma è incessante attraversamento delle ambiguità, nel simbolo, e delle contraddizioni, nell’evidenza, e nel quale è custodita la stessa «sacralità del mondo».


📌 ingresso libero con prenotazione obbligatoria:
clicca qui per prenotare il tuo posto

👀  se hai la Carta Io leggo di Più clicca qui
per prenotare il tuo posto nelle prime file dedicate
(acquistala sullo shop online o al Circolo)

 

Per continuare a offrirti cultura
tutti i giorni, per tutt*,
abbiamo bisogno anche di te.
Dona al Circolo dei lettori!