Il padreterno è liberale

Essere liberali in Italia
presentazione del libro di e con Nicola Porro
edito da Piemme

Il giornalista riflette sul ruolo e la figura dei liberali italiani rievocando Antonio Martino. Ne viene fuori un ricordo spassionato, divertente e irriverente sui capisaldi, sull’essenza della cultura liberale, sui contributi dati alla crescita dell’Italia.

✏️ la quarta di copertina
«L’ultima volta che lo vidi era a casa sua sulla Cassia, sulla poltrona che era di suo nonno e poi di suo padre: avevamo intenzione di fare un libro intervista insieme. Stemmo insieme qualche ora. Poche settimane dopo, senza che nessuno potesse immaginarlo, è mancato. Ne è uscito uno zibaldone liberale che troverete in questo libro.» Essere liberali, nel vero senso della parola, in Italia, è sempre stata un’anomalia culturale e una scelta politica minoritaria. Perché in questo Paese è prevalsa sempre, con persistenza, un’egemonia statalista, fatta di spesa pubblica e consociativismo. Ma sposare il liberalismo è un’altra cosa. Neanche il partito liberale era veramente liberale.
Nicola Porro riflette sul ruolo e la figura dei liberali italiani rievocando il grande maestro di questa tradizione: Antonio Martino. Ne viene fuori un ricordo spassionato, divertente, acuto, irriverente sui capisaldi, sull’essenza della cultura liberale, sui contributi dati alla crescita di questo Paese. Un libro che ha il merito di sfatare luoghi comuni e supposti miti. Attraverso aneddoti e retroscena molto personali su Berlusconi, su Montanelli e sulle figure apicali della tradizione liberale italiana, Porro riflette sul perché, quest’idea romantica tesa ad esaltare le virtù dell’essere umano, sia così tanto sfruttata, ma così poco amata e così poco profondamente seguita.


📌 ingresso libero con prenotazione obbligatoria:
clicca qui per prenotare il tuo posto

👀  se hai la Carta Io leggo di Più clicca qui
per prenotare il tuo posto nelle prime file dedicate
(acquistala sullo shop online o al Circolo)

 

Per continuare a offrirti cultura
tutti i giorni, per tutt*,
abbiamo bisogno anche di te.
Dona al Circolo dei lettori!