La prima volta che il dolore mi salvò la vita

Le poesie giovanili di uno dei più amati scrittori del Nord Europa

presentazione del libro di e con Jón Kalman Stefánsson
edito da Iperborea
con Andrea Bajani
letture di Lucrezia Forni, Scuola per attori Teatro Stabile – Teatro Nazionale di Torino

incontro online: seguilo su Facebook, YouTube o circololettori.it

Poesie quotidiane, riflessioni sulla vita, versi estemporanei che anticipano i grandi temi dei suoi romanzi più conosciuti (le eterne domande dell’uomo, la vita, l’amore, il fallimento, il senso ultimo dell’esistenza, il potere dell’arte e della letteratura) e rispecchiano la sua specialissima scrittura che si distingue per la sottile ironia e una lingua di singolare ricchezza evocativa. «Perdonami ma / a causa dei numerosi impegni / per mettere su casa / procurarsi entrate / nazionalizzare i venti / va accantonata la vita / da oggi e per i prossimi giorni.» Oltre a tre raccolte di poesie scritte tra il 1988 e il 1994, La prima volta che il dolore mi salvò la vita contiene un lungo testo biografico in cui l’autore, con una scrittura magnetica che decanta l’essenziale, racconta con infinita tenerezza le sue improbabili origini di scrittore, la pubblicazione del suo primo libro, le vendite deludenti, le letture giovanili e l’atmosfera vivace ed elettrica della vita letteraria di Reykjavík e Sandgerði alla fine del XX secolo. «Lo scopo della vita / Non è facile trovarlo / tant’è / che io non l’ho trovato.»

 

 

 

Per continuare a offrirti cultura
tutti i giorni, per tutt*,
abbiamo bisogno anche di te.
Dona al Circolo dei lettori!