La suprema inchiesta

Spingersi al di là dell’atteso
presentazione del libro di e con Alberto Casadei
edito da il Saggiatore
con Tiziano Toracca e Bianca del Buono

Questo è il romanzo di una ricerca impossibile. Un’indagine attorno a un misterioso omicidio (una escort di lusso assassinata a poca distanza da Palazzo Grazioli) che si trasforma in un resoconto dei tentativi umani – sublimi, fallimentari, grotteschi – di raggiungere la verità.

✏️ la quarta di copertina
La suprema inchiesta è il romanzo di una ricerca impossibile. Un’indagine attorno a un misterioso omicidio che si trasforma in un resoconto dei nostri umani tentativi – a volte sublimi, a volte fallimentari, altre ancora grotteschi – di raggiungere la verità. Roma, 2010. Livia Bianchi, vicequestore aggiunto, si trova a indagare sulla morte di una escort di lusso, assassinata brutalmente a poca distanza da Palazzo Grazioli. Sin da subito, il caso «Bella di Rodi» appare complesso: ogni elemento della vicenda sembra attorniato da una rete di disonestà, ambiguità e compromessi che dalla politica arrivano all’imprenditoria, fino alla criminalità organizzata. La stessa rete dentro cui si muove il marito di Livia, l’architetto Angelo Consani, in cerca dei finanziamenti per realizzare il suo ambizioso progetto di una Nuova Città Ideale. Tra loro i due figli, Lorenzo e Giovanna, persi nella confusione e nella vulnerabilità dell’essere giovani. È in questa cornice, mentre l’indagine di Livia avanza, che accade qualcosa di inatteso: personaggi dai contorni impossibili si mescolano ai protagonisti della cronaca; la realtà si apre ad apparizioni fantastiche; i tempi degli eventi collassano gli uni sugli altri; la parola lascia spazio alle immagini.

 


👀  prenotazione obbligatoria (le prime file sono dedicate alla Carta Io leggo di Più)